domenica 23.07.2017
caricamento meteo
Sections

Fondo Energia, in Emilia-Romagna 36 milioni di euro per migliorare l’efficienza energetica

Dal 10 luglio 2017 è possibile presentare domanda per il credito agevolato

Al via in Emilia-Romagna il Fondo Energia: 36 milioni di euro a sostegno dell’innovazione e dell’efficienza energetica. Il nuovo Fondo multiscopo di finanza agevolata, che comprende il Fondo Energia e il Fondo Starter (quest'ultimo dedicato alle nuove imprese), è uno strumento finanziario che rientra nella programmazione della Regione dei fondi europei Por Fesr 2014-2020. La disposizione prevede una compartecipazione pubblica al 70% a tasso zero e privata, bancaria, al 30% a tassi convenzionati e agevolati, gestiti dalla Regione tramite Unifidi, Consorzio unitario di garanzia Emilia-Romagna selezionato con gara pubblica europea. Il Fondo energia ha una dotazione di 36 milioni di euro in tre anni per migliorare l’efficienza energetica e incrementare l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili. La prima finestra utile per presentare le domande è dal 10 luglio al 30 settembre 2017 attraverso siti dedicati cui si accede dal portale di Unifidi.

"L’avvio del Fondo multiscopo per startup ed energia intende essere un segnale forte in due ambiti strategici - ha dichiaratoPalma Costi, assessore regionale alle Attività produttive, piano energetico ed economia verde -, la creazione di nuove imprese e la promozione della low carbon economy, sulla strada del rafforzamento competitivo del sistema economico regionale che l’Europa ha delineato con la Strategia di specializzazione intelligente". "Con questo nuovo strumento finanziario affianchiamo le imprese del territorio rendendo più efficace l'accesso alle risorse messe a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna con il Fondo europeo di sviluppo regionale", ha sottolineato Alberto Bertoli, presidente del Consorzio Unifidi.

Le informazioni sui due comparti del Fondo multiscopo per startup ed energia sono disponibili sul sito web Por Fesr della Regione Emilia-Romagna e sui siti dedicati www.fondoenergia.unifidi.eu e www.fondostarter.unifidi.eu.

Por Fesr 2014-2020, situazione e nuovi strumenti finanziari

A oggi il Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Emilia-Romagna ha individuato la destinazione di 311 milioni di euro nelle diverse aree di intervento, pari a circa il 60% della dotazione complessiva, pari a 481,8 milioni di euro. Sono già stati selezionati 954 progetti a beneficio di imprese ed enti pubblici. Fra questi, hanno un peso rilevante le attività legate alla competitività delle piccole e medie imprese, a cui è destinato il 25% delle risorse del Por Fesr 2014-2020. In questo ambito rientra il nuovo Fondo Starter di finanza agevolata per le startup. Il Fondo Energia interviene invece sull’asse della sostenibilità (22% delle risorse Por Fesr 2014-2020) che punta alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni.

Il Consorzio di garanzia Unifidi

Unifidi è il Consorzio Unitario di garanzia nato nel 2008 per volontà della Regione Emilia-Romagna e delle associazioni regionali di Cna e Confartigianato. Conta oltre 80 mila aziende associate ed è iscritto nell’Elenco speciale degli intermediari finanziari vigilati della Banca d’Italia. Alla fine del 2016 il consorzio fidi di Confindustria, Fidindustria, tramite fusione, è entrato a far parte del sistema Unifidi.

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/07/2017 — ultima modifica 11/07/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it