Pnrr e transizione ecologica: primi in Italia

Svetta nella graduatoria nazionale il progetto regionale da oltre 100 milioni di euro. Atenei, data valley, tecnopoli e Cnr insieme per riconvertire i processi produttivi

Primo posto nella graduatoria nazionale. Il punteggio più alto ottenuto nel bando per gli ecosistemi dell’innovazione nell’ambito del Pnrr, valutazione che mette il progetto dell’Emilia-Romagna nelle condizioni di fare arrivare nel territorio oltre 100 milioni di euro, risorse con cui sostenere la transizione ecologica del sistema economico e sociale regionale. A favore di centri di ricerca e imprese, per un trasferimento di conoscenze che contribuisca nei prossimi anni alla riconversione dei processi produttivi, alla creazione di buona occupazione, all’ammodernamento dei servizi dedicati alla salute, a nuovi tempi di vita, a una pubblica amministrazione più efficiente e ad azioni più efficaci per la tutela dell’ambiente.

Il progetto prevede oltre 750 persone coinvolte nella realizzazione delle attività previste, di cui circa 300 ricercatrici e ricercatori.

Presentato dall’Università di Bologna come soggetto proponente, è il risultato di un grande lavoro di squadra che ha visto insieme l’intera rete degli atenei regionali – l’Università di Ferrara, l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Università di Parma, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e il Politecnico di Milano sedi di Piacenza- e il Cnr, con Enea e Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare), e il coordinamento della Regione attraverso Art-ER, la società consortile regionale per la crescita sostenibile, l’innovazione e l’attrattività.

L’ampio partenariato coinvolto mette a sistema le competenze e le infrastrutture tecnologiche dell’Emilia-Romagna Data Valley (big data, supercomputer e capacità di supercalcolo), attraverso la Rete regionale alta tecnologia, i tecnopoli come asset fondamentali per la transizione ecologica.

Il progetto – Ecosistema per la transizione sostenibile in Emilia-Romagna – ha dunque ottenuto il primo posto, con un voto totale di 125 punti, nella graduatoria del bando Pnrr del Ministero dell'Università e della Ricerca dedicato agli ecosistemi dell'innovazione, passando in questo modo alla fase due, che prevede un investimento totale del dicastero di 1,3 miliardi di euro.

Con questo ulteriore grande progetto, incentrato su tutta la rete delle Università regionali e ai centri di ricerca, l’Emilia-Romagna si mette sempre di più nelle condizioni di guardare a un futuro sostenibile insieme a tutta la filiera produttiva, imprese e mondo del lavoro.

Cosa si farà con i fondi resi disponibili

Le risorse permetteranno l’avvio di un imponente programma regionale di trasferimento di tecnologie e conoscenza dal mondo dell’università e della ricerca a quello produttivo, in tutti gli ambiti della sostenibilità, entro il 2025.

Riguarderà materiali avanzati e sostenibili, manifattura green, sistemi e componenti per la conversione e l'utilizzo di energia da fonti rinnovabili, mobilità intelligente, soluzioni abitative ed energetiche per una società carbon free, economia circolare e blu economy, analisi dati e supercalcolo per favorire la transizione ecologica.

Oltre all'attività di ricerca industriale, il progetto include la formazione di studenti, ricercatori e dottorati, azioni di trasferimento tecnologico, open innovation, azioni di supporto alla nascita e allo sviluppo start up e spin off.

Le azioni

Sono previste dal progetto presentato oltre 750 figure professionali coinvolte nella realizzazione di queste attività, di cui quasi 300 tra donne e giovani che hanno conseguito il dottorato di ricerca.

In particolare, saranno attivati programmi di laurea professionalizzanti, borse di studio post-doc, stage curriculari ed extra-curriculari sui temi della transizione ecologica.

E ancora, attraverso un’attività di scouting permanente all’interno delle Università saranno intercettate idee innovative, soprattutto dal punto di vista tecnologico, da supportare con formazione, consulenza e coaching per validare la fattibilità dell’idea di impresa anche da parte di piccole e medie imprese.

Il programma sosterrà la crescita di aziende e spin off costituiti attraverso azione di mentoring, servizi di formazione e internazionalizzazione e la creazione di percorsi e servizi specifici.

Sono previste, inoltre, attività per favorire l’incontro tra laboratori e istituti di ricerca sulla base delle esigenze tecnologiche delle piccole e medie imprese: l’open innovation scouting che supporta la ricerca di soluzioni e tecnologie all’interno del sistema della ricerca regionale per le aziende e il programma internazionale di open innovation con la ricerca di soluzioni tecnologiche a livello nazionale e internazionale sempre le aziende regionali.

Infine, è prevista anche una attività che coinvolga i cittadini, la società civile e la pubblica amministrazione nei processi di ricerca e innovazione, sia come destinatari degli interventi che come soggetti in grado di supportare la definizione delle priorità di ricerca per i singoli territori.

Il progetto intende supportare la transizione ecologica del sistema economico e sociale regionale attraverso un processo che coinvolga trasversalmente tutti i settori, le tecnologie e le competenze coniugando transizione digitale e sostenibilità con il lavoro e il benessere delle persone e la difesa dell’ambiente in coerenza con gli obiettivi del Patto per il Lavoro e per il Clima, ed integrandosi con programmazioni regionali, nazionali ed europee.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/04/28 22:07:25 GMT+2 ultima modifica 2022-04-28T22:07:26+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina