Turismo: incentivi alle imprese dal Pnrr

L'avviso prevede una riserva del 50% per i progetti green. Finanziabile anche l'intervento di riqualificazione energetica della struttura turistica

Un contributo fino al 35% delle spese ammissibili e un finanziamento a tasso agevolato per le imprese turistiche con una riserva del 50% dei fondi per gli investimenti green. Questa la sintesi della misura del Pnrr M1C3 che mette a disposizione delle aziende italiane 780 milioni di euro per progetti con spese ammissibili comprese tra 500.000 e 1 milione di euro. Un aspetto significativo di questo bando è la forte attenzione riservata al risparmio energetico

L'obiettivo

Con questa misura si vuole migliorare la qualità dei servizi di ospitalità in relazione agli standard internazionali attraverso il potenziamento delle strutture ricettive e sostenere nuovi investimenti nel settore fieristico. Si punta al rispetto dei principi di sostenibilità ambientale e alla digitalizzazione per attrarre nuovi flussi turistici su scala sia nazionale sia internazionale.

I beneficiari: dagli hotel agli agriturismi

La misura è molto ampia e coinvolge imprese molto diverse. Possono presentare domanda le strutture alberghiere, gli agriturismi, le aziende che gestiscono strutture ricettive all'aria aperta ma anche quelle turistiche del comparto ricreativo, fieristico e congressuale. Ma non è finita qui sono finanziabili anche i progetti di stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici, parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

Si finanzia anche la riqualificazione energetica 

Gli interventi finanziabili sono relativi alla riqualificazione energetica e antisismica delle strutture, all' eliminazione delle barriere architettoniche ma pure lavori edilizi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo. Permessa anche la ristrutturazione edilizia o l'installazione di manufatti leggeri, incluse le unità abitative mobili e la realizzazione di piscine termali. Infine interventi per la digitalizzazione e l'acquisto o il rinnovo degli arredi. Gli interventi dovranno essere avviati e conclusi entro 6 e 30 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Tutti i numeri dell'agevolazione

La dotazione finanziaria della misura raggiunge i 780 milioni di euro mentre le spese ammissibili per ciascun beneficiario dovranno essere comprese tra 500.000 e 1 milione di euro. Nello specifico gli incentivi sono articolati nel contributo e nel finanziamento agevolato che non può essere superiore al 100% dei costi. La sua misura massima è pari al 35% delle spese ammissibili.


Il finanziamento agevolato è concesso con durata minima di 4 anni e massima di 15 inclusi 3 anni di preammortamento massimi al tasso fisso dello 0,50% . Al finanziamento agevolato è associato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato dalla banca finanziatrice.

L'avviso

Tutte le informazioni 

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/08/30 12:40:07 GMT+2 ultima modifica 2022-08-30T12:40:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina