Istruzione e ricerca

Missione 4 - Investimenti green per rafforzare le condizioni per lo sviluppo di una economia ad alta intensità di conoscenza e competitiva

Componente 2 - Dalla ricerca all’impresa per l’economia circolare 

M4C2.1, Misura 1 - Rafforzamento della ricerca e diffusione di modelli innovativi per la ricerca di base e applicata condotta in sinergia tra Università e imprese

Investimento 1.3 - Partenariati allargati estesi a Università, centri di ricerca, imprese e finanziamento progetti di ricerca di base -  - Risorse 1610 M€
I beneficiari sono Università, centri di ricerca, imprese – partenariati allargati – organizzati in consorzio pubblico-privato – Hub & Spoke, per un massimo di 15 programmi di ricerca e innovazione. I privati devono entrare nel partenariato esteso fin dall’inizio. Il soggetto proponente è soggetto vigilato dal MUR.

  • Tematica 2 - Energie del futuro: sequestro, purificazione e utilizzo dell’anidride carbonica dalla produzione di idrogeno e produzione di biometano – Power to gas
  • Tematica 11 - Made-in-Italy circolare e sostenibile 

Attuazione: Ministero dell'Università e della Ricerca. Bando aperto 

Investimento 1.4 - Potenziamento strutture di ricerca e creazione di Campioni nazionali di R&S su alcune Key Enabling Technologies - Risorse 1600 M€
Campi d’intervento: processi di ricerca e innovazione, trasferimento di tecnologie  e cooperazione tra imprese incentrate sull'economia circolare.
Avviso pubblico per la presentazione di Proposte di intervento per il Potenziamento di strutture di ricerca e creazione di “campioni nazionali” di R&S su alcune Key Enabling Technologies fra cui, la Mobilità e le Tecnologie dell’Agricoltura (Agritech) d’interesse diretto per la Transizione Ecologica
Attuazione: Ministero dell'Università e della Ricerca 
Bando chiuso 6 aprile-13 maggio 2022. Avviso MUR n.341 del 15/3/2022
Esito: Decreto DG Ricerca 1243/2022 del 2 agosto 2022, approva l’esito della valutazione. La Tabella B allegata elenca le 14 proposte progettuali ammesse alla fase II prevista dall’Avviso. Tra le proposte progettuali ammesse alla Fase II:
Università degli Studi di Bologna. Titolo del progetto “GRINS – Growing Resilient, INclusive and Sustainable”. Tematica: Sostenibilità economico-finanziaria dei sistemi e dei territori
Università degli Studi di Parma. Titolo del progetto “ON Foods - Research and innovation network on food and nutrition. Sustainability, Safety and Security – Working ON Foods”. Tematica: Modelli per un’ ”alimentazione sostenibile”
Nota: Fase 2 - Proposta integrale: i soggetti proponenti le proposte progettuali ammessi alla Fase 2 saranno invitati a presentare la Proposta integrale del Programma di ricerca e innovazione del Partenariato esteso, secondo le modalità di cui al successivo articolo 13 (art. 11, Avviso del 15/3/2022).

Investimento 1.5 - Creazione e rafforzamento di Ecosistemi dell'innovazione, costruzione di leader territoriali di R&S - Risorse 1300 M€
Sostegno ai poli di innovazione, anche tra imprese, organismi di ricerca e autorità pubbliche e reti di imprese a beneficio principalmente delle Pmi. I bandi specificano il ruolo della Regione, endorsment e/o cofinanziamento e il numero di candidature ammesse per singola Regione. I privati sono tra i beneficiari dell’intervento, possono partecipare alla costituzione dell’”EI” e partecipano alla governance. Il soggetto proponente è un soggetto vigilato dal MUR che poi si impegna a costituire l’EI.
Non ci sono tematiche predeterminate, ma approccio orientato alle grandi sfide, favorendo creazione di innovazione di impatto e imprenditorialità. Le attività di ricerca saranno realizzate congiuntamente dalle università e dalle imprese, in particolare le PMI, operanti sul territorio, per cui si ipotizza un deciso supporto alle start-up, con il coinvolgimento delle comunità locali. Questo investimento finanzierà 12 campioni territoriali di R&S esistenti o nuovi selezionati con appositi bandi, con particolare attenzione alla capacità di promuovere sostenibilità sociale. Elementi dei progetti e criteri di selezione sono specificati nel testo del PNRR. Sulla valutazione e ammissibilità dell’Ecosistema, rileva lacoerenza con le priorità di ricerca e innovazione regionali (Smart Specialisation Strategy) e con i POR”, nonché con quanto previsto dalla delibera CIPESS n. 48/2021 del 27 luglio 2021

Attuazione Ministero dell'Università e della Ricerca
Il primo bando è stato pubblicato il 30 dicembre 2021. La procedura di selezione si è conclusa, primo il progetto della Regione Emilia-Romagna E’ previsto il finanziamento di 12 ecosistemi, 90 - 120 mln di euro ciascuno

Fondo complementare PNC-F.3, M4C2.1 - Accordi per l’innovazione Investimento complementare agli investimenti M4C2. la Regione Emilia
DM MISE 31 dicembre 2021 (GU 14/2/2022, n. 37); DD 18/3/2022; DM di rifinanziamento (aggiunge 91 mln) (GU n. 151 del 30 giugno 2022) – Romagna non compare tra le regioni che hanno sottoscritto l’Accordo quadro
Primo sportello (500 mln) chiuso l’11/5/2022
Secondo sportello (500 mln) aperto dal 31/1/2023 (procedura disponibile dal 17/1/2023)

M4C2 Misura 2 Sostegno ai processi di innovazione e trasferimento tecnologico

Investimento 2.1 - Ipcei importanti progetti di comune interesse Europeo - Risorse 1.500 M€
Integra l’attuale fondo Ipcei (Legge di bilancio 2020, art. 1, c. 232) e fornisce incentivi alle imprese italiane (almeno 20 imprese al 2025) per la partecipazione a progetti Ipcei, favorendo la collaborazione pubblico-privato imprese e centri di ricerca. Gli avvisi per le manifestazioni di interesse hanno riguardato anche Ipcei idrogeno indicati come prioritari ed è stata pubblicata l’integrazione relativa al rispetto del principio del Dnsh
Attuazione Ministero dello sviluppo economico
Finanziamento di almeno 30 imprese
Decreto interministeriale 21 aprile 2021 - Fondo IPCEI. Criteri generali per l'intervento e il funzionamento del Fondo 

L’investimento è destinato ai progetti IPCEI approva da parte dell’UE - progetti IPCEI Idrogeno, Microelettronica 2, Cloud. (Quelli già finanziati, quindi non coperti da fondi PNRR sono: Batterie 1, Batterie 2, Microelettronica 1). A seguito di emanazione del provvedimento della Commissione europea di autorizzazione dei suddetti progetti IPCEI, saranno adottati decreti MISE integrativi per assegnare i finanziamenti a sostegno dei progetti partecipanti. Target: 20 imprese beneficiarie.
Decreto interministeriale 21 aprile 2021 - Fondo IPCEI. Criteri generali per l'intervento e il funzionamento del Fondo (mise.gov.it)
Decreto Mise Batterie 1 - Decreto Mise Batterie 2
IPCEI H2 Technology: DD 13 ottobre 2022 (450 mln + 250 mln M2C2 Inv. 5.2), stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande (v. anche Protocollo MiTE – MiSE per co-finanziamento progetti IPCEI “Idrogeno”, 9 giugno 2022). IPCEI H2 Industry: DD 19 dicembre 2022 (350 mln) stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande, modulistica e procedure di dettaglio per concessione ed erogazione delle agevolazioni (comunicato pubblicato in GU 303 del 29 dicembre 2022).

Investimento 2.2  - Partenariati Horizon Europe - Risorse 200 M€
205 progetti di ricerca, sviluppo e innovazione individuati con inviti specifici a partecipare ai partenariati europei  European Partnership – nel quadro di Horizon Europe, in particolare d’interesse per TE Clean Energy Transition; 4) Blue Oceans – a climate neutral sustainable and productive Blue economy; 5) Innovative SMEs. La misura è destinata a imprese di qualsiasi dimensione e centri di ricerca, si stima una partecipazione di oltre 194
L’attuazione di questo investimento è collegata alla partecipazione nazionale alle call congiunte (Commissione e SM interessate) che verranno lanciate per attuare il programma di lavoro della singola partnership.
Attuazione - Ministero dello sviluppo economico - Decreto 24/03/2022 e DD 28/4/2022 per modalità di presentazione delle domande e modulistica (importo 10 mln).
L’attuazione riguarda: 1) le KTD – JU, specificatamente: i) sostegno ai progetti delle imprese italiane selezionate nell’ambito dei bandi europeiKDT – JU Calls 2021”: DM 24/3/2022 (importo 10 mln) e DD 28/4/2022 per i termini e le modalità di presentazione delle domande e la modulistica; ii) sostegno delle progettualità delle imprese italiane selezionate nell’ambito dei bandi europei “KDT – JU Calls 2022” (scad. bando europeo: 21 settembre 2022): DM 26/8/2022 (importo 20 mln); DD MISE del 30/9/2022 stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande. 2) Innovative SMEs: Il DM MISE 19/9/2022 stanzia 7 mln di euro per il cofinanziamento delle imprese italiane selezionate nell’ambito del bando europeo “Eurostars 3 CoD 3” per “Innovative SMEs” pubblicato il 13 luglio 2022 (scad. 15/9/2022) - link; DD 10/10/2022 stabilisce termini e modalità di presentazione delle domande - link. DM MISE 172022 del 24/11/2022, attiva i finanziamenti per  le imprese selezionate nella call europea “Clean Energy Transition” (CETP Joint Call 2022) (16 mln) Termini e modalità di presentazione della domanda, da definire con successivo provvedimento – link. DM 170680 MISE 23/11/2022, attiva i finanziamenti per le imprese selezionate nella call europea “Water4All” (Water4All Joint Call 2022) (3 mln). Termini e modalità di presentazione della domanda, da definire con successivo provvedimento - link. Entro la fine del 2022 era prevista l’adozione dei decreti di allocazione delle risorse per la partecipazione ai progetti Driving the Urban Transformation DUT (v. relazione MISE settembre 2022). Dal sito MIMIT il decreto di assegnazione delle risorse risulta in fase di registrazione (17/1/2023).
BANDI EUROPEI - Il bando europeo DUT Call 2022 è stato pubblicato il 21/9/2022 (scad. 21/11/2022 per presentazione della proposta preliminare e il 3 maggio 2023 per presentazione della proposta completa) - link. Consultazione degli stakeholders in vista della Call europea DUT 2023, in corso: 9 gennaio – 6 febbraio 2023 – link.  Il bando europeo Water4all2022 Joint Call 2022 è stato pubblicato il 1/9/2022 (scad. proposta preliminare 31/10/2022, scad. proposta completa 20/3/2023). Il bando europeo Clean Energy Transition Joint Call 2022 è stato pubblicato il 14/9/2022 (scad. proposta preliminare 23/11/2022, scad. proposta completa 20/3/2023).
DM 16 dicembre 2022: decreto quadro di attivazione dei finanziamenti - link

M4C2 Misura 3 - Potenziamento delle condizioni di supporto alla ricerca e all’innovazione

Investimento 3.1 - Fondo per la realizzazione di un sistema integrato di infrastrutture di ricerca e innovazione  - Risorse 1580 M€ di cui 290 M€ su priorità Energy e Environment
Mira a rafforzare e completare, in stretta integrazione e complementarità con le misure dirette al finanziamento delle Infrastrutture di Ricerca (Investimento 3.1), al potenziamento dei Campioni nazionali di R&S (Investimento 1.4), alla creazione degli Ecosistemi dell’innovazione (Investimento 1.5) I beneficiari sono università, enti pubblici di ricerca, imprese. I proponenti sono l’università, enti e istituzioni di ricerca vigilati dal MUR. I soggetti privati possono essere coinvolti nell’eventuale consorzio (IR). Rappresenta condizione necessaria il coinvolgimento dei soggetti privati.
Attuazione: Ministero dell'Università e della Ricerca  
Decreti di ammissione al finanziamento Avviso1 -  Avviso 2
Decreti Direttoriali di ammissione al finanziamento del 22/6/2022
Decreti Direttoriali di ammissione al finanziamento del 20/6/2022

Investimento 3.2 - Finanziamento di Start-up - Risorse 300 M€
In corso interlocuzioni con Cassa depositi e prestiti per la firma dell’accordo finanziario (entro 30/6/2022) L’investimento è destinato a sostenere 250 PMI innovative integrando il Fondo Nazionale per l’Innovazione gestito da CDP per sostenere lo sviluppo del Venture Capital
Attuazione Ministero della transizione ecologica (gestione CDP) 
DM 11 marzo 2022 Disposizioni di attuazione dell’Investimento 3.2 Finanziamento di start-up » del Piano nazionale di ripresa e resilienza (GU 6 maggio 2022)
Decreto propedeutico all’accordo con CDP alla firma (pubblicato in GU 6 maggio 2022 diposizioni attuative sul Digital Transitino Fund Notizia Osservatorio 6.6.22: il GSF deve attivare, entro il 30 giugno 2026, 250 milioni di investimenti privati nel settore delle tecnologie verdi, con riferimento particolare all’utilizzo di fonti di energia rinnovabile, dell’economia circolare, della mobilità sostenibile, dell’efficienza energetica, della gestione dei rifiuti e dello stoccaggio di energia. Obiettivi degli interventi sono l’ampliamento del capitale a disposizione di ricercatori e start-up, il rafforzamento dell’azione dei fondi di venture capital attivi oltre a sviluppare iniziative nuove
Approvazione del regolamento di gestione del Fondo, da parte del CdA di CDP Venture Capital il 22 settembre 2022. Si prevede di rendere operativo il DTF entro novembre 2022 (v. Relazione MISE, ottobre 2022).

Investimento 3.3 - Introduzione di Dottorati innovativi - Risorse 600 M€
Rispondono ai fabbisogni di innovazione delle imprese e promuovono l’assunzione dei ricercatori dalle imprese. Si prevedono incentivi alle imprese per assunzione di ricercatori precari junior con l’obiettivo di potenziare le competenze di alto profilo, in particolare nelle aree delle KET. È prevista la creazione di uno hub finalizzato alla valorizzazione economica della ricerca prodotta dai dottorati industriali, favorendo la creazione di spin-off. 
Attuazione: Ministero dell'Università e della Ricerca

Invio “Atto d’obbligo” da Università al MUR tramite piattaforma entro il 20/6/2022 e comunque prima della indizione delle procedure di selezione per l’assegnazione delle borse di dottorato (Università indicate in DM n. 352 del 9/4/2022, Tabella A)
DM n. 925 del 29/7/2022, integrativo dei DM n. 351 e 352/2022.
Esito:
-
DD 2153 del 28/12/2022 Concessione risorse dottorati PNRR – ex DM 352/2022: quantifica l’importo complessivo destinato al finanziamento delle borse di studio selezionate (1630) e concede il finanziamento pari a 48.900.00,00 €. Ripartizione delle risorse per soggetto attuatore, in Allegato A: Università di Bologna, 5.160.000,00 €; Università di Ferrara, 240.000,00 €; Università di Modena e Reggio Emilia: 930.000,00 €; Università di Parma 630.000,00 €
- DD 2174 del 30/12/2022 (integrazione DD 2153): assegna ulteriori 79 borse di studio ai soggetti attuatori, secondo la ripartizione contenuta in Allegato A, per un importo di 2.370.000,00 €: Università di Modena e Reggio, 30.000 €.

M5 Coesione e inclusione
M5C2 Infrastrutture sociali, famiglie, comunita’ e terzo settore
M5C2 Investimento 2.2. b Piani Urbani integrati

L’intervento Piani Integrati Urbani prevede una specifica dotazione finanziaria in favore di un Fondo Tematico dedicato al settore della rigenerazione urbana, da costituire nell’ambito del Fondo di fondi gestito dalla BEI. Il Fondo tematico sarà dedicato a supportare progetti di rigenerazione urbana come mezzo per promuovere l'inclusione sociale e combattere varie forme di vulnerabilità, aggravate dall'emergenza della pandemia di Covid-19. Il Fondo Tematico mira, in particolare, (i) ad attrarre finanziamenti privati nei progetti di risanamento urbano, (ii) a promuovere lo sviluppo e l'attuazione di investimenti urbani a lungo termine, (iii) a sviluppare canali di prestito nuovi e alternativi, nonché modelli innovativi per i progetti di risanamento urbano, combinando le risorse del PNRR con risorse private e (iv) ad accelerare gli investimenti nel risanamento urbano, contribuendo anche agli obiettivi della transizione verde promuovendo una rigenerazione urbana sostenibile         .
Attuazione: Accordo di finanziamento MEF – BEI del 22 dicembre 2021. DM 22/4/2022, approva i 31 Piani urbani integrati, incluso quello della Città Metropolitana di Bologna. Ministero Interno: … Nel settore dei Piani Integrati Urbani, il Fondo interverrà (con una dotazione dedicata pari a euro 272 milioni) in favore di promotori privati e partenariati pubblico-privato (nella misura in cui la quota di partecipazione pubblica rimanga pari o inferiore al 50%), i quali intendano partecipare o abbiano partecipato ai progetti finanziati dalle Città Metropolitane ai sensi dell’articolo 21 del decreto-legge n.152 del 2021, ovvero i quali promuovano progetti o iniziative comunque coerenti con i progetti/interventi oggetto di finanziamento da parte delle Città Metropolitane, anche ricadenti nei comuni dell’area metropolitana. Comunicato n. 2 del 26 maggio 2022.
Accordo di finanziamento MEF – BEI del 22 dicembre 2021. DM 22/4/2022
Avviso BEI per selezione intermediari finanziari del 24/5/2022 – Scadenza 8 luglio 2022
Invitalia ha pubblicato quattro procedure di gara (scad. 3 novembre 2022) affidare i servizi tecnici e i lavori necessari a realizzare 399 interventi in 13 delle 14 Città metropolitane (Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Reggio Calabria, Roma, Torino, Venezia e Palermo) per lavori e servizi pari a:  983,6 M€ per ristrutturazione, la manutenzione e la rifunzionalizzazione ecosostenibile di strutture edilizie pubbliche esistenti; 249,8 M€ per la rifunzionalizzazione ecosostenibile di aree e spazi pubblici; 242,1 M€ per restauro, la ristrutturazione, la manutenzione e la rifunzionalizzazione ecosostenibile di strutture edilizie pubbliche esistenti sottoposte a tutela; 361,1 per la realizzazione di interventi afferenti alla mobilità, inclusa quella ciclabili

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-02-03T16:31:11+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina