Rivoluzione verde e transizione ecologica

Missione 2 - Misure che puntano ad una radicale transizione ecologica e ad una progressiva e completa decarbonizzazione del sistema Net-Zero e a rafforzare l’adozione di soluzioni di economia circolare

Componente 1 - Economia circolare ed agricoltura sostenibile  

M2C 1.1 Migliorare la capacità di gestione efficiente e sostenibile dei rifiuti e il paradigma dell'economia circolare 

Investimento 1.2 - Progetti Faro di economia circolare - Risorse 600 M€ 

Progetti finalizzati a colmare il gap impiantistico nel settore della gestione dei rifiuti urbani e speciali che, allo stato, ostacola lo sviluppo di filiere circolari 

Bandi su 4 linee di interventi 

  • Recupero e riciclo Raee in impianti fotovoltaici ed eolici 
  • Recupero e riciclo carta e cartone 
  • Recupero e riciclo Plastica 
  • Recupero e riciclo Tessili 

Attuazione Ministero della transizione ecologica

M2C1.2 Sviluppare una filiera agroalimentare sostenibile  

Investimento 2.1 - Sviluppo della logistica per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo - Risorse 800 M€ 

Sviluppo della logistica per i settori  agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo. Misure per ridurre l’impatto ambientale dei trasporti agro-alimentari e migliorare la sostenibilità delle filiere mediante l’uso di veicoli elettrici e delle energie rinnovabili. 

Attuazione Ministero Politiche agricole alimentari e forestali 

Il DM MIPAAF 13 giugno 2022 istituisce lo strumento dei contratti della logistica agroalimentare, stabilisce beneficiari, modalità di accesso, limiti. 

Investimento 2.2 - Parco agrisolare - Risorse 1.500 M€ 

Sostenere gli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica in ambito agricolo, escludendo totalmente il consumo di suolo, e con l'installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture degli edifici ad uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale: link 

Attuazione Ministero Politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con il Gestore dei servizi energetici   

Decreto 25.03.22  contiene le direttive per l’avvio della misura - Scheda illustrativa  

E’ attesa la pubblicazione dei bandi a seguito dell’autorizzazione del regime di aiuto, da parte della Commissione europea del 12 Luglio, fino al 30 giugno 2026. Il regime approvato consiste in sovvenzioni dirette fino al 90% dei costi di investimento ammessi, soggetti a massimali in funzione della capacità dell’impianto fotovoltaico interessato. I beneficiari potranno investire esclusivamente in capacità fotovoltaiche che non superino il loro fabbisogno energetico 

Investimento 2.3 - Innovazione e meccanizzazione settore agricolo alimentare - Risorse 500 M€ 

Si prevede di favorire l’ammodernamento dei frantoi esistenti anche attraverso l’introduzione di macchinari e tecnologie che migliorino le performance ambientali dell’attività di estrazione dell’olio extravergine di oliva, riducendo la generazione di rifiuti e favorendone il riutilizzo a fini energetici. 

All’innovazione e meccanizzazione sono destinati 400 M€, mentre 100 M€ vanno all’ammodernamento dei frantoi oleari in ottica di economia circolare. Entrambe le misure saranno gestite dalle Regioni con bandi regionali. Bando quadro sui frantoi oleari rinvia ai bandi regionali per la parte attuativa (art. 4) – link. Il bando per la meccanizzazione sarà pubblicato entro il primo trimestre 2023. Inoltre, vd. Accordo Intesa Sanpaolo – Coldiretti, 3 miliardi di euro a supporto del PNRR per l’agricoltura: Comunicato 9 giugno 2022 - link 

Attuazione Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con il coinvolgimento delle Regioni e Provincie autonome - Decreto attuativo 31.03.22  - Scheda illustrativa  

PNC-H.1 - M2C1.2 - Contratti di filiera per il settore agroalimentare per progetti nel settore agroalimentare. Includono progetti di ricerca e sviluppo nel settore agricolo, con finanziamento e/o contributo in conto capitale fino al 100% delle spese ammissibili, DM 22/12/2021, art. 6, lett. e), e Tabella 4A per le spese ammissibili – Criteri, modalità, procedure per attivare i contratti di filiera previsti dal Fondo complementare sono disciplinati dal DM MIPAFF 22/12/2021 (GU n. 61 del 14/3/2022). Sito MIPAFF: link Inclusi nei criteri di valutazione l’idoneità dei Progetti a conseguire gli obiettivi ambientali prefissati. Investimento minimo per accedere ai finanziamenti 4 M€ 

M2C1.3 Sviluppare progetti integrati  

Investimento 3.2 - Green communities - Risorse 135 M€ 

Misura per il sostegno della qualità ambientale dei territori rurali e di montagna anche mediante piani sostenibili dal punto di vista energetico, ambientale, economico e sociale. Le comunità verdi dovranno essere caratterizzate da: 

a) gestione integrata e certificata del patrimonio agro-forestale e delle risorse idriche;

b) la produzione di energia da fonti rinnovabili locali (micro-idroelettrico, biomasse, biogas, eolico, biometano);

c) lo sviluppo di un turismo sostenibile;

d) la costruzione e gestione sostenibile del patrimonio edilizio e delle infrastrutture di una montagna moderna;

e) l’efficienza energetica e l’integrazione intelligente degli impianti e delle reti

Attuazione Presidenza Consigli dei Ministri e Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie. 

Sono state individuate le prime tre Green Communities pilota. in linea con l’art. 72 della Legge 221/2015 che riceveranno uno stanziamento di 2 milioni di euro ciascuna: 

Terre del Monviso in Piemonte, la montagna del latte dell’Unione montana dell’Appennino Reggiano in Emilia-Romagna, Parco Regionale Sirente Velino in Abruzzo 

I progetti pilota selezionati hanno fornito indicazioni utili al Dipartimento per gli Affari Regionali (ente titolare della misura), per la stesura dell’avviso pubblico da 129 milioni di euro per le Green Communities. 

L’avviso intende finanziare almeno trenta Green Communities entro e non oltre il 16 agosto 2022. 
I progetti finanziabili devono rientrare tra un importo minimo pari a 2 milioni di euro e un importo massimo pari a 4 milioni e 300 mila euro (IVA inclusa), nei limiti degli importi di ripartizione tra le Regioni e le Provincie autonome in base alla tabella di cui all’allegato A. Possono presentare una candidatura i seguenti soggetti: 

  • Unioni di Comuni ex art. 32 d.lgs. 267/2000; 
  • Comunità Montane ex art. 27 d.lgs. 267/2000; 
  • Consorzi ex art. 31 d.lgs. 267/2000; 

Convenzioni ex art. 30 d.lgs. 267/2000. Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina dedicata del DARA 

Componente 2 - Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile

Investimento 1.1 - Sviluppo agro-voltaico - Risorse 1098,992 M€
L’investimento si pone il fine di rendere più competitivo il settore agricolo, riducendo i costi di approvvigionamento energetico e migliorando al contempo le prestazioni climatiche-ambientali.
Previsto un bando per imprese che intendono realizzare impianti agro-voltaici a carattere sperimentale, anche in collaborazione con associazioni, enti pubblici, enti di ricerca.
Attuazione Ministero della transizione ecologica  
Pubblicate le Linee Guida impianti agrovoltaici del 27/6/2022. Si è svolta una consultazione pubblica sulla misura chiusa il 12 luglio 2022: link. Risorse rese disponibili dall’ accordo Intesa Sanpaolo – Coldiretti link

Investimento 1.2 - Promozione rinnovabili per le comunità energetiche e l'auto-consumo
L’investimento mira a garantire le risorse necessarie per installare circa 2.000 MW di nuova capacità di generazione elettrica a sostegno delle comunità energetiche e delle strutture collettive di autoproduzione.
Contributi  a favore dei piccoli comuni ( < 5000  abitanti) per le comunità energetiche.
Prestiti a tasso zero fino al 100% dei costi ammissibili, per la costruzione di impianti di produzione di rinnovabili, anche accoppiati a sistemi di accumulo di energia, per comunità ed autoconsumatori
Attuazione Ministero della transizione ecologica
Approvata la Legge regionale 27 maggio 2022 n.5 sulle comunità energetiche e l’autoconsumo collettivo di energia rinnovabile

Investimento 1.3 - Promozione impianti innovativi, incluso off-shore - Risorse 675 M€
Realizzazione di sistemi di generazione di energia rinnovabile off-shore, che combinino tecnologie ad alto potenziale di sviluppo con tecnologie più sperimentali in assetti innovativi e integrati da sistemi di accumulo
Avvio con Fondo complementare / Cipess
Attuazione Ministero della transizione ecologica

Investimento 1.4 - Sviluppo biometano - Risorse 1943 M€
Sviluppo del biometano da recupero energetico dei residui veicolato nella rete gas. La linea di investimento si pone l’obiettivo di

  • riconvertire e migliorare l’efficienza degli impianti biogas agricoli esistenti verso la produzione totale o parziale di biometano da utilizzare sia nel settore del riscaldamento e raffrescamento industriale e residenziale sia nei settori terziario e dei trasporti;
  • supportare la realizzazione di nuovi impianti per la produzione di biometano (attraverso un contributo del 40 per cento dell’investimento), sempre con le stesse destinazioni;
  • promuovere la diffusione di pratiche ecologiche nella fase di produzione del biogas (siti di lavorazione minima del suolo, sistemi  innovativi a basse emissioni per la distribuzione del digestato) per ridurre l'uso di fertilizzanti sintetici e aumentare l'approvvigionamento di materia organica nei suoli, e creare poli consortili per il trattamento centralizzato di digestati ed effluenti con produzione di fertilizzanti di origine organica.

Prevista procedura quadrimestrale ad evidenza pubblica per contributi in conto capitale per la diffusione di pratiche a favore dell’economia circolare (poli consortili per il trattamento del digestato, trattori agricoli alimentati a metano, efficientamento termico ecc.)

Attuazione Ministero della transizione ecologica 

M2C2.3 Promuovere la distribuzione e gli usi finali dell'idrogeno 

Investimento 3.1 - Produzione di Idrogeno in aree industriali dismesse - Risorse 500 M€
La Regione ha espresso Manifestazione di interesse con DGR n.152 del 7/2/2022 ai sensi del decreto MITE 15 dicembre 2021 . Atteso DM con criteri di selezione dei progetti in corso; a seguire attesa risposta Regioni e DM Ripartizione fondi e acquisizione progetti
Attuazione Ministero della transizione ecologica 

Investimento  3.2 - Utilizzo dell’idrogeno in settori hard to abate - Risorse 2000 M€
Progetti per favorire l'uso dell'idrogeno nell'industria nei settori dove è più difficile contenere l’uso dei combustibili ad alte emissioni climalteranti - hard-to-abate - come l’industria pesante (acciaio, vetro, cemento, carta, ceramica) ed i trasporti ad alto consumo. I progetti saranno coordinati con altri progetti a cui l’Italia partecipa (es. IPCEI idrogeno - MISE).
Attuazione Ministero dello transizione ecologica  in collaborazione con Mise Invitalia 
Per approfondire: sito web MiTE

Investimento 3.3 - Sperimentazione dell’idrogeno per trasporto stradale - 230 M€
Realizzare almeno 40 stazioni di rifornimento a base di idrogeno in aree di servizio autostradali, magazzini logistici e porti conformemente ai requisiti della direttiva 2014/94/UE sull'infrastruttura per i combustibili alternativi.
Attuazione  Ministero infrastrutture e mobilità sostenibile in collaborazione con Ministero della transizione ecologica

Investimento 3.4 - Sperimentazione dell’idrogeno per trasporto ferroviario - Risorse 300 M€
Realizzare almeno 10 stazioni di rifornimento a base di idrogeno per i treni lungo sei linee ferroviarie, in prossimità di siti di produzione di idrogeno verde e/o di stazioni autostradali di rifornimento a idrogeno. Il progetto deve includere un sostegno ad attività di ricerca e sviluppo dedicate all'idrogeno nel trasporto ferroviario, a partire da nuovi elettrolizzatori ad alta pressione (grado di maturità tecnologica 5-7) e sistemi di stoccaggio ad alta capacità con possibilità di utilizzo di idruri metallici o liquidi (grado di maturità tecnologica 3-5). Si tratta di convertire all’idrogeno le linee ferroviarie non elettrificate con elevato traffico passeggeri e un forte utilizzo di treni diesel
Attuazione Ministero della transizione ecologica In collaborazione con Enea

Investimento 3.5 - Ricerca e Sviluppo dell’idrogeno - Risorse 160 M€
L’investimento mira a sostenere le attività di ricerca e sviluppo incentrate sull'idrogeno.
Accordo di programma Enea con Cnr e Rse e successivi bandi Mite sia per enti di ricerca con imprese sia diretti alle imprese, per l’importo di 110 mln euro (v. comunicato MISE 11 febbraio 2022.); DM MiTE 23 dicembre 2021, n. 545. Bandi finalizzati a:
Bando tipo A con una dotazione di 20 milioni di Euro rivolto agli enti di ricerca e alle università, anche congiuntamente tra loro o con imprese che esercitano attività dirette alla produzione di beni e/o di sevizi, per la realizzazione di progetti di ricerca fondamentale in riferimento alle seguenti tematiche: a) produzione di idrogeno clean e green; b) tecnologie innovative per lo stoccaggio e il trasporto dell'idrogeno e la sua trasformazione in derivati ed e-fuels; c) celle a combustibile per applicazioni stazionarie e di mobilità.
Pubblicata graduatoria progetti ammessi Decreto di approvazione della graduatoria relativa all'avviso n. 4 del 23 marzo 2022 PNRR -M2C2 Investimento 3.5 -Ricerca e Sviluppo sull'idrogeno, Avviso tipo A
Bando di tipo B con una dotazione di 30 milioni di Euro, è rivolto alle imprese, anche congiuntamente tra loro o con organismi di ricerca, per la realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in riferimento alle seguenti tematiche:
a) produzione di idrogeno clean e green
b) tecnologie innovative per lo stoccaggio e il trasporto dell'idrogeno e la sua trasformazione in derivati ed e-fuels;
c) celle a combustibile per applicazioni stazionarie e di mobilità;
d) sistemi intelligenti di gestione integrata per migliorare la resilienza e l'affidabilità delle infrastrutture intelligenti basate sull’idrogeno.
Attuazione Ministero della transizione ecologica
DM 23.12.21 n.535. Per approfondire: sito web MITE

Investimento 4.3 -  Sviluppo infrastrutture di ricarica elettrica - Risorse 741,320 M€
Sviluppo di:
7500 punti pubblici di ricarica rapida in autostrada;
13-755 punti pubblici di ricarica rapida in centri urbani;
100 stazioni di ricarica sperimentali con stoccaggio.
Attuazione: Ministero della transizione ecologica 
Il 23 maggio è stata aperta la consultazione pubblica per definizione del decreto attuativo per i punti di ricarica autostradali

M2C2.5 Sviluppare una leadership internazionale, industriale e di ricerca e sviluppo nelle principali filiere della transizione

Investimento 5.1 - Rinnovabili e batterie - Risorse 1.000 M€
Sviluppo delle filiere industriali nel settore fotovoltaico, eolico e delle batterie attraverso tre linee d’azione principali. Finanziato mediante contratti di sviluppo, è articolato nei seguenti sub-investimenti: a) sub-investimento 5.1.1 Tecnologia PV
b) sub-investimento 5.1.2 Industria eolica
c) sub-investimento 5.1.3 Settore batterie 
Attuazione Ministero dello sviluppo economico - Decreto ministeriale 27 gennaio 2022 e Decreto direttoriale 25 Marzo 2022 - con il Ministero dell'economia e delle finanze Ipcei - contratti di sviluppo.
Gestione Invitalia Per approfondire: sito web MiSE

Sub investimento 1 Tecnologia fotovoltaica - Contratto di sviluppo per impianto industriale di produzione pannelli fotovoltaici flessibili a Modugno (BA) 400 M€.
Attuazione Ministero dello sviluppo economico
Sub Investimento 2 Energia industria eolica Contratto di sviluppo 100 M€
Attuazione Ministero dello sviluppo economico
Sub Investimento 3 Settore batterie - Agevolazioni a fondo perduto o finanziamento agevolato 500 M€ Attuazione Ministero dello sviluppo economico

Investimento  5.2 - Idrogeno - Risorse 450 M€
Investimenti nel campo della ricerca, sviluppo, innovazione e prima produzione industriale. Il progetto mira a sviluppare la produzione di elettrolizzatori, per un target fino a 1 GW/anno dal 2025.
Attuazione Ministero dello sviluppo economico e Ministero della transizione ecologica
DM MiTE 27 aprile 2022 assegna 250 milioni a progetti IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo) per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori e 200 milioni ad ulteriori progetti che saranno selezionati attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione, finalizzati alla realizzazione sia di ulteriori impianti per la produzione di elettrolizzatori, sia di impianti per la produzione di componenti a servizi degli elettrolizzatori stessi.
Questi progetti saranno selezionati attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione (Comunicato stampa MiTE. Il Decreto ministeriale del 27 giugno 2022 (MISE) avente oggetto Definizione delle modalità di accesso agli interventi agevolativi connessi ai programmi IPCEI finanziati con risorse PNRR. Dispone l’attivazione del fondo IPCEI a sostegno degli IPCEI, fra cui H2 Tech. e H2 Industry, ed indica le modalità con cui si dovranno presentare le istanze di accesso alle agevolazioni per i progetti. I termini per la presentazione delle istanze ed ulteriori dettagli applicativi saranno resi disponibili dalla Direzione Generale per gli incentivi alle imprese del MISE, entro 90 giorni dalla notifica all’Italia della decisione di autorizzazione da parte della Commissione Europea. La decisione di autorizzazione da parte della Commissione Europea è arrivata il 15 luglio; lo scadere dei 90 giorni è quindi previsto al 13 ottobre 2022

Investimento 5.3 - Bus elettrici - Risorse 300 M€
Agevolazioni a valere sui Contratti di sviluppo per la sperimentazione dell’idrogeno per il trasporto stradale e nel trasporto ferroviario ed all’investimento nei bus elettrici. Prevista la creazione di una filiera di autobus elettrici e che punta a sostenere 45 progetti per la produzione di veicoli elettrici e connessi (con esclusione degli autobus ibridi) per il rinnovo delle flotte del trasporto pubblico locale, mediante contratti di sviluppo - vedi Decreto direttoriale 25 Marzo 2022 - o altre misure.
Le domande di agevolazioni, che dovranno essere presentate a Invitalia, dovranno avere ad oggetto la realizzazione di programmi di sviluppo concernenti: - l’ottimizzazione e produzione di sistemi di trazione elettrica; -lo sviluppo e la produzione di nuove architetture di autobus, nell’ottica della migrazione verso sistemi di alimentazione elettrici, dell’alleggerimento dei veicoli, della digitalizzazione dei veicoli e dei loro componenti; -la creazione e/o l’ottimizzazione di filiere industriali per la produzione di componentistica per autoveicoli per il trasporto pubblico e lo sviluppo e l’industrializzazione di nuove tecnologie; -lo sviluppo, la standardizzazione e l’industrializzazione di sistemi di ricarica, nonché lo sviluppo di tecnologie finalizzate alla produzione di sistemi per la smart charging di autobus elettrici
Attuazione  Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile e Invitalia
Decreto ministeriale del 29 novembre 2021
Decreto direttoriale MISE 8 Aprile 2022

Investimento 5.4 - Supporto a start-up e venture capital attivi nella transizione ecologica - Risorse  250 M€
Il progetto è volto a stimolare la crescita dell’ecosistema innovativo italiano, con particolare
riguardo per il settore della transizione ecologica, tramite investimenti di capitale di rischio (venture capital) diretti e indiretti.
L’investimento prevede la creazione di un Green Transition Fund, gestito da Cdp Venture Capital e dotato di 250 milioni di euro. La strategia di investimento del Gtg sarà rivolta ai settori delle rinnovabili, dell’economia circolare, della mobilità, dell’efficienza energetica, dello smaltimento dei rifiuti, dello stoccaggio di energia e affini. Obiettivi degli interventi sono l’ampliamento del capitale a disposizione di ricercatori e start-up, il rafforzamento dell’azione dei fondi di venture capital attivi oltre a sviluppare iniziative nuove
Attuazione Ministero dello sviluppo economico 
DM 3 marzo 2022. Accordo finanziario MISE – CDP sottoscritto il 27 giugno 2022 e adottato con DD 28 giugno 2022 Gestione Invitalia. Per approfondire: sito web MiSE

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/08 11:42:00 GMT+2 ultima modifica 2022-07-27T10:07:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina